cosa fare e vedere a venezia in 2 giorni : il nostro itinerario di 48 ore
0 In ITALIA/ VENETO

Cosa fare e vedere a Venezia in 2 giorni: il nostro itinerario di 48 ore

cosa fare e vedere a venezia in 2 giorni

Si può concentrare la visita di Venezia in 2 giorni ? No sicuramente, ma sia pure in poco meno di 48 ore i nostri ricordi di Venezia e dintorni sono alcuni fra i più belli che ci restano di questo 2017  che ci ha regalato occasioni di viaggio ( se vuoi leggere delle nostre emozioni  puoi leggere qui ), tutti ricchi di bellissime esperienze. Il nostro itinerario può suggerirvi alcune visite interessanti … cosa fare e vedere a Venezia in 2 giorni ?

Cosa fare e vedere a Venezia in 2 giorni …

Quando visitare Venezia e dove soggiornare …

Noi abbiamo trascorso un fine settimana davvero intenso,in un marzo straordinariamente caldo, subito alla conclusione del Carnevale ma  prima di Pasqua, in un momento ideale per evitare una grande folla di turisti. Abbiamo scelto di soggiornare a Mestre, all’hotel NH Laguna Palace, comodissimo per i collegamenti (l’autobus vicino all’hotel raggiunge davvero in pochi minuti piazzale Roma e per tutte le opzioni si può verificare il sito di   Veneziaunica) ed anche per contenere i costi.

Certo una passeggiata a Venezia è piacevole in ogni momento dell’anno, ma se come noi non amate tanto la calca direi di escludere i momenti più affollatti come il Carnevale e le festività pasquali e Natalizie.

Cosa fare e vedere a Venezia in 2 giorni

Canal Grande

Il nostro itinerario di 2 giorni

In una città dove ci si muove solo a piedi o con motoscafi e vaporetti, è obbligatorio avere scarpe comodissime per muoversi tranquillamente per calli e campielli senza stancarsi troppo. Ma il bello di Venezia è proprio questo : attraversarla guardando canali, palazzi, ponti e ogni dettaglio che fa di Venezia un museo a cielo aperto.

Cosa fare e vedere?

Cosa fare e vedere a Venezia in 2 giorni … ecco i nostri consigli …

Attraversare i ponti a cominciare da quello di Piazzale Roma, il Ponte della Costituzione, la modernissima creazione dell’architetto Calatrava che esce sicuramente dagli schemi abituali, ma anche il Ponte dell’Accademia in legno, lo stupendo Ponte di Rialto, completamente restaurato e di un bianco abbagliante, il romantico Ponte dei Sospiri di fianco a Palazzo Ducale in Piazza San Marco. Ma anche tutti i piccoli e piccolissimi ponticelli che attraversano tanti angoli della città.

 

cosa fare e vedere a Venezia in 2 giorni

Ponte di Rialto

Ponte dei Sospiri

Visitare le chiese : oltre alla Basilica di San Marco che naturalmente si deve assolutamente visitare, ci sono tantissime chiede che spesso sono meno pubblicizzate, ma sono assolutamente spettacolari e meritano tanta attenzione. C’è da dire che sono talmente tante che avendo poco tempo si deve per forza fare una selezione. Grazie ad un biglietto cumulativo formato famiglia della durata di un anno  si possono visitare anche in momenti successivi (Chorus pass per ogni informazione e dettaglio). Santa Maria di Nazareth, o degli Scalzi, che si trova proprio accanto alla Stazione di Santa Lucia; l’imponente Santa Maria Gloriosa dei Frari con le tombe di Canova e Tiziano e tanto altro; San Giacomo dell’Orio, San Sebastiano con la sua bellissima sagrestia  e la piccola ma deliziosa San Giacomo di Rialto.

cosa fare e vedere a Venezia in 2 giorni

Basilica di San Marco

Santa Maria degli Scalzi

Santa Maria dei Frari

Piazza San Marco : ovviamente non si può prescindere dal cuore magico e spettacolare della Serenissima. L’ingresso in Basilica è gratuito mentre se si vuole salire sul Campanile è necessario pagare un biglietto.  Una visita che per mancanza di tempo non abbiamo potuto fare è quella dell’interno del Palazzo Ducale, ma sicuramente in una prossima occasione non mancheremo. Una passeggiata sotto i portici della Piazza anche solo per affacciarsi agli storici ( e carissimi ) caffè e un’occhiata ai negozi, anche se sono piuttosto turistici. Ed ovviamente se siete in Piazza godetevi la vista bellissima della laguna …

Un tramonto a Venezia : che sia in Piazza San Marco, o su un vaporetto ( come è successo a noi) e da un ponte comunque godersi le luci della sera che digradano dolcemente è suggestivo, romantico e … gratuito.

 

Entrare in un negozio di maschere : anche se il Carnevale si è concluso, non si possono non ammirare queste splendide creazioni, misteriose e affascinanti, Riportano prepotentemente indietro nel tempo e anche se alcune  hanno davvero prezzi proibitivi, qualche oggetto un po’ più semplice lo si può trovare a prezzi accettabili.

Ammirare qualche giardino : anche se molti sono chiusi perché privati, tuttavia si può dare un’occhiata anche dalle inferriate, o in qualche caso se sono pubblici ( come i Giardini Papadopoli ) si possono visitare.

Campi e campielli : le “piazze” veneziane sono belle e molto spesso solitarie perché defilate, e in molti casi ci si può godere un momento di riposo, e uno sprazzo di sole, grazie alle panchine a disposizione.

Hard Rock Cafè : so che è piuttosto dissacrante, ma se si ha un figlio adolescente ci si può tranquillamente fermare nella boutique del marchio, che si trova sul Ponte di Rialto, per acquistare un gadget ( la classica maglietta) e  ammirare gli abiti di scena originali di alcune stelle della musica. Se poi si ha tempo si può visitare anche il caffè vero e proprio.

I gondolieri e le gondole : sono ferme un po’ ovunque e una foto a questa caratteristica imbarcazione, famosa nel mondo, non può mancare. Un giro anche breve è un po’ costoso e noi abbiamo evitato questa spesa. Ma se siete una giovane coppia … concedetevi questo sfizio.

Un concerto serale : se vi piace la musica classica ascoltare un concerto di Vivaldi a Venezia al termine del fine settimana è davvero un’esperienza bellissima anche per i ragazzi. Noi abbiamo approfittato del concerto nella chiesa di San Vidal con gli “Interpreti Veneziani”.

Cosa fare e vedere a Venezia in 2 giorni ?

Un pomeriggio a spasso per le sue isole più famose : Murano, Burano e Torcello

Un pomeriggio fra le isole più famose della laguna di Venezia è quasi d’obbligo. Si può scegliere di visitarle con un tour organizzato ( noi abbiamo scelto la visita organizzata da Get Your Guide che parte proprio dall’angolo di Piazza San Marco) oppure un biglietto delle linee pubbliche che le raggiunge tutte e muoversi in autonomia. Il costo non è molto diverso, ma nel primo caso si ha la possibilità di spiegazioni durante la traversata della laguna.

Murano

Ovviamente è famosa per la lavorazione del vetro ed in effetti vedere un artigiano all’opera è una esperienza interessante. L’arte della soffiatura del vetro si tramanda dal 1500 di padre in figlio e le famiglie non potevano neanche abbandonare il mestiere perché rischiavano la pena di morte. Sta al visitatore decidere di acquistare, o meno, nelle botteghe qualche oggetto. Anche fra quelli meno cari si può trovare qualcosa di carino. Ma sicuramente per chi ama questa stupenda arte i pezzi più preziosi hanno un fascino davvero speciale. Nel complesso è stata la visita più breve e meno soddisfacente delle tre, perché non si ha tempo per apprezzare anche le altre bellezze dell’isola, soprattutto il Museo del Vetro ( se siete interessati a mostre in tema visitate  Lestanzedelvetro troverete molti spunti ).

   Torcello

L’isola, nucleo originario di Venezia ( fu abitata prima dell’anno 1000 ), è praticamente disabitata e si visita molto velocemente. Attraverso l’unica strada di accesso si arriva, dopo aver ammirato anche il ponte senza spallette detto “Del Diavolo “, alla piazza principale dove si trovano le Chiese, Santa Fosca e Santa Maria dell’Assunta con i suoi bellissimi mosaici, e il famoso trono di Attila ( che probabilmente non lo usò mai ). Un’isola verde e molto semplice resa famosa dalla celebre Locanda Cipriani che, dal 1935, ha ospitato e ospita celebrità, artisti, attori e nobili.

Burano

La vera magia di quest’isola è nei  suoi bellissimi colori. Ogni abitazione, ogni scorcio fra i canali e i ponti conquista irrimediabilmente. Le case sono perfette e la cura che gli abitanti dedicano alla perfetta intonazione dei colori dei dettagli è ammirevole. Il susseguirsi è armonico, rilassante e gioioso, nel rispetto della tradizione che impedisce modifiche ai colori originari che devono essere mantenuti inalterati nel tempo. Una passeggiata che non può mancare anche solo per questi dettagli; se poi si apprezza anche l’arte del ricamo ci si può soffermare in una delle tante botteghe nel centro.

Questi i nostri consigli su cosa fare e vedere a Venezia in 2 giorni … magari potrete approfittare dei prossimi ponti invernali per dedicare una visita a questa stupenda città …

 

 

 

 

 

 

You Might Also Like